Tu che hai i ritagli – Il punto del campionato

Tornano le figlie del calcio.
E tornano in una versione un po’ particolare, con un margine di scelta offerto al lettore.
Lea T., figlia/figlio di Toninho Cerezo, indimenticato campione di Roma e Sampdoria.

GiorgioP – Galliani dice che Ibrahimovic non é violento. Se vuole gli facciamo un video da 45 minuti.
Schachner – Sarebbe un’idea.
Tu diresti anche: “Lo sta facendo di proposito per preparare il terreno al trasferimento di giugno: per un pugno di dollari”.

G – E’ così infattibile un embargo del tipo ‘le grandi d’Europa non trattano giocatori di Mino Raiola’?
S – Così esplicito credo di no…
Però sul sito della Fifa, qualche giorno fa, c’era un’intervista a Joseph Blatter. Il plenipotenziario del calcio affrontava – con la solita saccenza – il tema dei giocatori di proprietà di società terze o di procuratori, proponendo la loro esclusione dalle competizioni europee, come la Champions o l’Europa League. Non è una soluzione al problema Raiola ma è forse un passo avanti sulla strada ‘Via i procuratori’.

G – Intanto lo schiaffo, l’ha preso Nocerino, e tra De Sanctis e Aronica s’é vista la vera sceneggiata napoletana. Poi si parla di televisioni, orari, campionato spezzatino… Queste sono robe brutte.
S – Beh, con i maestri che De Sanctis e Aronica hanno in casa. E non parlo di Murolo o dei Di maio…
Quando succedono situazioni simili a quella in Milan – Napoli, io spero sempre in un arbitro con le palle che dica “Te, te, te e te: tutti a fare le doccia”.
Puntalmente rimango deluso.

G – Del resto gli insegnamenti dei maestri del calcio (poi sul nostro ‘idolo’) fanno dire a Capello che Moggi e Giraudo sono stati i migliori dirigenti che abbia mai avuto – e Baldini? – e che la federazione inglese ha sbagliato a togliere la fascia di capitano della nazionale a Terry per gli insulti razzisti.
S – Capello rientra nel categoria – designazione personale – di ‘quelli di cui me ne frega meno’.
Calcisticamente non mi è mai piaciuto. Avrà anche vinto ma che palle vederlo giocare.
Cafu raccontava che con lui non si faceva tattica e che, rispetto a Zeman, i giocatori erano lasciati troppo alla mercè delle intuizioni personali. Umanamente, poi, sembra freddo come un fior di fragola.
La questione Terry mi sembra una vera frescaccia. Aveva già perso la fascia di capitano per i flirt con la donna di un compagno di squadra, e Capello aveva avallato la promozione di Gerrard a leader della nazionale al suo posto. Forse nei pensieri di Don Fabio è più grave scoparsi la donna di un amico che dar del negro – scusate – ad un avversario.

G – Intanto, chi cura maniacalmente ogni fase del gioco é Luis Enrique. La Roma quest’anno ha messo in campo Caprari, Verre, stasera Piscitella, Viviani. Calcolando anche Lamela e Bojan, sono tutti sotto i 21 anni. Attributi elefantiaci direi no?
S – Finalmente un allenatore di una grande squadra che non ha paura di mettere giovani calciatori in qualsiasi reparto, in qualsiasi partita e in qualsiasi situazione di gioco. Sono decenni che ci lamentiamo di mister che tengono troppo conto della carta d’identità, e ora che uno spagnolo non la chiede, c’è sempre qualcuno che lo critica per qualche motivo. I tifosi, ormai soprattutto di altre squadre – perchè a roma hanno capito -, dovrebbero rendersi conto che proporre un giovane fa sempre e solo bene, anche se i risultati ne risentono. Questo è un punto su cui poche persone convergono. E’ il limite definitivo della cultura calcistica italiana.

G – Luca Valdiserri – Corriere della sera, uno dei migliori – dice che la differenza fra Luis Enrique e il calcio italiano, nella fattispecie Ranieri, è che il primo gioca con due ali per terzini e il secondo con due terzini sulle ali.
S – Ha ragione. In questo momento, la situazione dell’Inter è enfatizzata dagli infortuni e da una campagna acquisti priva di senso (e forse di soldi).
Poi, nel caso di Ranieri, per quanto possa avere capacità di far risalire la china alle proprie squadre, c’è poco da fare: se vinci poco e non giochi bene… Per ora Luis Enrique è quasi ingiudicabile. E’ passato troppo poco tempo. Le premesse sono zemaniane – tanto divertimento, qualche risultato ad effetto, qualche imbarcata di goal – e il futuro non è chiaro.
Io, però, tra le certezze di Ranieri e i dubbi di Luis Enrique, preferisco i dubbi.
Chi dubbi non ne ha, chi sa cosa farà. Lo dice anche Bennato.

G – Hai mai visto l’Inter arrendersi dopo 45 minuti? Pazzini sositituito da Poli…
S – Non voglio divagare eccessivamente, ma nel caso dell’Inter sarebbe necessario bussare alla porta dei vari dirigenti nerazzurri, cominciando dal presidente, e chiedere cosa pensavano di ottenere comprando certi giocatori, assumendo un certo tipo di allenatore, mandandolo via dopo niente e prendendone un altro diametralmente diverso, continuando ad avere giocatori non funzionali nè al primo nè al secondo tencico.
Tutto dopo aver vinto ogni trofeo e aver già usufruito di un anno sabbatico.
Io non ho risposta a nessuna delle mie perplessità ma ho paura che l’Inter sia tornata quella di sempre: zero idee, vince se tutti gli altri – per motivi diversi – non possono vincere.

G – Intanto la Lazio sembra muoversi su Gasperini per giugno.
S – Ecco, sarebbe una scelta interessante. Roma, intesa come città, avrebbe la miglior proposta calcistica d’Italia.
E’ un allenatore che stimo, che non lascia nulla al caso e la Lazio ha una rosa – con l’eventuale rientro di Zarate – che può adattarsi con soddisfazione al suo modo di giocare.
Da sportivo, spero possa essere il prossimo allenatore dei biancazzurri.

G – Che poi io domenica questo ‘campo impraticabile’ non l’ho visto. Ho visto una squadra con tanta qualità e una con tanta in meno.
S – In questo caso, short answer: sì, sono d’accordo.

G – Arriviamo al nostro idolo: in attesa del Chelsea, Lippi ha detto che allenerebbe di corsa il Napoli. Simpatia per simpatia, per chi teniamo?
S – Oggi, in redazione, qualcuno ha sollevato la stessa questione. La discussione poi ha preso una deriva che ha portato a Paro, Ricchiuti e Zoran Ban. Ecco cosa succede a nominare nella stessa frase Mazzarri e Lippi: si scatena una specie di apocalisse calcistica.
Nel mio personale modo di rimanere affascinato dal calcio, peggio di Mazzarri forse c’è davvero solo Lippi, ma non saprei davvero chi scegliere.
Ho massacrato Lippi nell’ultima parte della guida del mondiale ma non sono assolutamente pago.
Purtroppo lui si è tirato indietro e quindi per ora mi accontento di Mazzarri, ci accontentiamo di Mazzarri.
A capire chi è più fastidioso ci si può perdere il senso del tempo e e dello spazio.

Lippi si sta autocandidando per ogni squadra, anche per il Borgo a Buggiano.
Prima o poi troverà qualche babbeo che lo assumerà.
E brinderemo, perchè commentare sia lui sia Mazzarri per noi è come regalare due etti di cocaina a Charlie Sheen.

G – Conto al volo: Vargas e Sosa quanto sono costati? Dove sono? Pazienza quanto veniva buono?
S – Sosa 8 inspiegabili milioni di euro – con cui Beckenbauer s’è fatto la Jacuzzi – e Vargas ha un riscatto a poco meno di 15, e mi auguro per i tifosi partenopei che dopo quattro mesi e dopo pochi minuti nessuno al Napoli abbia il coraggio di spendere una cifra del genere per un giocatore 1989.
Ci sono società italiane che sono il pozzo da cui attingono procuratori esperti e smaliziati, e che smerciano giocatori di qualità non ancora riconosciute a prezzi da capogiro.
Io capisco la paraculaggine di chi cura gli interessi di questi calciatori ma non la fessaggine delle società italiane che si fanno inculare una volta su cinque.
Mi sembra di essere tornato all’apertura delle frontiere, quando alla Pistoiese arrivava Luis Silvio Danuello.

G – Collegandomi ai soldi spesi male, applaudirei a questo punto il management del Bologna. Non ne hanno sbagliato uno, spendendo un quinto (forse) di Napoli, Inter e via dicendo.
Anche Taider mi sembra molto buono, serviva qualità e forse di quella fascia lì é la squadra che non vede concorrenti. Per inciso, Pioli, ad oggi, allenatore dell’anno.
S – Bologna molto bene, senza dubbio.
Qualche giorno fa m’è capitato di scrivere un articolo su Massimo Zanetti.
L’organigramma societario dei felsinei è un bordello vero – e non basta Morandi con il suo “Dai che ce la facciamo” – ma se i soldi sono ancora di Zanetti, questi hanno finanze per la Champions League.
Voglio fare un plauso – forse inaspettato – anche alla Fiorentina. Stanno cambiando tanto, hanno sbagliato qualcosa con alcune cessioni, perso molto denaro e azzardato acquisti ma continuano a star lì senza fare follie imprenditoriali e mantenendo dei costi di gestione che si adattano al momento critico dell’economia italiana. Quindi Jovetic andrà via.

G – … E credo ci sia la fila per lui.
Chiudiamo con Capello, che si è dimesso mentre parliamo. Apri una qualsiasi pagina inglese di sport e si cita “L’italiano che abbandona la nave che affonda”. Parliamo chiaro: un fallimento grosso come una casa. Per la prima volta il re é davvero nudo. Moratti non credo abbia né la voglia né i soldi da spendere per rifargli una squadra. Smette prima che sia troppo tardi o va in Russia?
S – La faccio lunga, premettendo che non idea su quale sarà il suo futuro ma Capello ha sempre riservato grandi sorprese. In ogni caso, avrebbe dovuto pensare che allena in Inghilterra, e per giunta la nazionale. Lì non si scherza e per una fattaccio del genere non dovrebbe essere necessario chiedere il permesso per azioni disciplinari, perchè sono –  e dovrebbe essere così ovunque – automatiche.

La mia famiglia è originaria di un piccolo paesino a sud-est di Londra.
Una famiglia di contadini e fattori. La nostra vicina di casa, quella di mia nonna e della mia bisnonna, lasciava sullo zerbino della porta della cucina – quella sul retro, per intenderci – una copia del Sun del giorno precedente. Le notizie, a casa mia, arrivavano il giorno dopo: il prezzo della povertà.
Il giornale, The Sun, è la testata che legge chi non ha tanta voglia di leggere, chi non ha – forse – una particolare cultura, chi ha bisogno di una informazione spicciola, superficiale, pop nel senso peggiore, attenta al gossip che si nasconde dietro molte notizie: per tutti questi motivi, il Sun scrive ciò che la maggior parte della gente già pensa e dice, pensieri che non riescono a staccarsi dalla sfera del luogo comune e quindi, per questo, tristemente e banalmente veri.

The Sun, un attimo dopo le dimissioni:
Capello quits.
Un’ora dopo:
Capello quits as England boss.
Il quitter, nella cultura anglosassone, è uno che molla, un vigliacco, un codardo, è uno Schettino.
Capello è lo Schettino del calcio inglese.

E non si da del “fucking black cunt” a un avversario e non si scopano le donne degli amici.
Fine del pezzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...