Animati: i candidati a Best Animated Feature agli 85th Academy Awards

Untitled-3

La categoria del Best Animated Feature Film è stata introdotta agli Academy Awards soltanto nel 2002. Prima di allora un film animato poteva sperare di entrare nella rosa dei Best Feature Film, ma è successo solo poche volte, a esempio con La Bella e La Bestia nel 1992.

Le regole sono semplici. Innanzitutto, i film realizzati usando la performance capture (l’attore recita, poi gli viene costruito il personaggio addosso, tipo Avatar) non possono essere nominati. Valgono quindi animazione tradizionale, animazione computerizzata, stop motion, claymation.
Se ci sono meno di 16 possibili nominati, ne vengono scelti tre; se invece sono più di 16, ne vengono scelti cinque.

Le nomination comprendono spesso film stranieri — Chico & Rita l’anno scorso, The Illusionist di Sylvain Chomet l’anno prima — e ancora più spesso questi sono gli unici film di animazione tradizionale della categoria. Sin dalla sua prima edizione, infatti, il premio è stato quasi sempre consegnato alla Pixar: l’unico vincitore ‘disegnato’ è stato Spirited Away di Miyazaki nel 2003, e l’unico in stop motion è stato il meraviglioso Wallace & Gromit: The Curse of the Were-Rabbit nel 2006.

Quest’anno la varietà delle nomination è crollata: abbiamo due film in animazione computerizzata e tre stop motion, di cui solo uno è stato prodotto fuori dagli Stati Uniti. Il filo conduttore di tutte le nomination è “gli incompresi”, visto che I Miserabili sono già in tutte le altre categorie: tutti i protagonisti sono outsider, o perlomeno si oppongono all’ordine delle cose. Chi riuscirà a spuntarla?

Iniziamo da Brave, ultimo prodotto di Pixar, che racconta la storia della giovane principessa scozzese Merida e della sua lotta con le convenzioni sociali del regno. Brave è il primo film della Pixar con protagonista una ragazza. Ha dalla sua una storia commovente ed un’esecuzione tecnica magistrale; non a caso, ha già vinto  il Golden Globe come Best Animated Film poche settimane fa.

Frankenweenie e ParaNorman hanno molto in comune: entrambi sono realizzati in stop-motion, entrambi parlano di bambini emarginati con aspirazioni scientifiche e un po’ troppo a che fare col paranormale. Entrambi si allontanano dalla vittoria per via di temi e dell’aspetto visivo “oscuro”, che li rendono meno appetibili rispetto agli altri nominati. Entrambi sono stati realizzati da un team snobbato dagli Oscar in passato: Tim Burton (Frankenweenie) non è stato mai premiato, e la casa di produzione Laika (ParaNorman) è la stessa di Coraline (che perse contro Up nel 2010).

L’inglese Aardman Animations ha invece vinto in passato, con il già citato Wallace & Gromit: The Curse of the Were-Rabbit. La nomination di quest’anno è The Pirates! In an Adventure with Scientists! che, oltre al titolo composito, condivide con il predecessore anche l’humour inglesissimo. Ma mentre Wallace & Gromit se la giocava con altri titoli non troppo popolari (Corpse Bride e Howl’s Moving Castle), i poveri pirati se la devono vedere con i colossi Disney che non hanno intenzione di mollare l’osso.

A far lasciare ogni speranza agli altri nominati c’è infatti Wreck-it Ralph. Oh, Wreck-it Ralph. Il grande eroe incompreso che si ritrova nel bel mezzo di un’avventura bizzarra e ipercolorata. Wreck-it Ralph può contare su molti fattori positivi: la storia commovente, l’aspetto visuale eccezionale, l’idea innovativa di creare un film animato a tema videogiochi, che mescola stili diversi e epoche diverse con un risultato riuscitissimo. Wreck-it Ralph è tenerissimo e meraviglioso, si merita di vincere e vincerà.

Ma nessuno dei candidati — e sicuramente non Ralph — ha però la complessità di ParaNorman: la bizzarra leggenda della strega di Blithe Hollow, la caccia alle streghe, il rimorso e la penitenza, l’essere un outcast, i genitori che non capiscono niente, il fratello di Neil che invece ha capito tutto (spoileeers!). ParaNorman è realizzato deliziosamente (in maniera molto meno pulita e precisina di Frankenweenie) e ha un po’ dell’umorismo nero dei Pirates. Ha il meglio di ognuno degli altri nominati, ma le ragioni che ai miei occhi lo rendono il migliore sono quelle che lo rendono il candidato meno appetibile: troppo oscuro, troppo ambiguo, troppo pieno di temi che vanno un po’ troppo oltre. Si merita di vincere, ma non vincerà: troppo strambo, così come il suo protagonista.

Ma non è finita qui: oltre ai film animati, ci sono anche i corti. Anche se l’Academy ha ordinato ai produttori di rimuovere gli shorts da internet, se vi sbrigate potete vederli tutti qui prima della cerimona di domenica. Preparate i fazzoletti prima di vedere (o ri-ri-ri-ri-rivedere) Paperman.

Nota a margine. Questo è il primo post di una rubrica; nelle prossime settimane parleremo dei film animati esclusi dalle nomination degli Oscar, ma anche di qualsiasi film animato pregevole mi capiti per le mani.

Top Film 2012 – GiorgioP

lista-film-20122

Cominciamo dall’inizio (premesso che ricordatevelo sempre una classifica è per definizione una cosa estremamente soggettiva e nessuno deve trovare alibi alle proprie scelte, è che di parecchi di questi film non ne ho mai parlato, nè qui ne su twitter).
Shame è stato il film che più in assoluto mi ha scavato dentro e rivoltato come un calzino, lo difendo a spada tratta allo stesso modo in cui farò per Prometheus che per me è la sintesi di quello che intendo per fantascienza.
La talpa è un film di un’eleganza incredibile, un orologio perfetto scritto da Dio. Il sospetto, proprio lì lì allo scadere delle classifiche è un film enorme che ti tormenta dentro. Skyfall il film bomba dell’anno, quello che si guadagna la palma del “lo rivedo trentasei volte e dirò ancora”.
Amour l’ennesimo grande cazzotto malessere di Haneke, The Artist is Present, per un ignorante di arte come me un film che fa scoprire molto.
Millennium invece è il film di Fincher da riscoprire, quello per cui le atmosfere fanno molto, tantissimo, Paranorman l’innamoramento numero uno dell’anno, un film prezioso e incredibile. Tim Burton si taglierebbe una mano per fare un film così.
Detachment è l’innamoramento numero due, e il film per cui ricorderò preziosamente questa mia classifica.
Hugo Cabret è un meraviglioso omaggio al cinema di Scorsese, avercene.
Reality film italiano dell’anno e già ne ho scritto.
War Horse è una splendida storia di amicizia, e guerra, se poi ci metti Spielberg e le lacrime (tante) completi l’opera.
Another Earth il film sorpresona dell’anno. A dimostrazione che con pochissimi mezzi si può scrivere un grande film di neo fantascienza.
The Dark Knight Rises il film di pancia di Nolan, un po’ distratto ma ti rivolta dentro.
Tutti i santi giorni il film che difenderei fino alla morte, c’è tutto Virzì, pregi e difetti, però ti porta dove vuole lui. Bedtime il film di Balaguero che è meno horror e per assurdo il più terrorizzante, da recuperare se non l’avete visto.
Moneyball il film per me, per chi inizia ad amare il baseball e ama il fantasy game. Toccante come la canzoncina finale.
Brave forse film sottovalutato dell’anno. C’è più Pixar in questo che in tanti altri.
Killer Joe brucia sul filo Quella casa nel bosco, mica per altro, perché alla seconda visione il secondo non mi ha convinto tantissimo. Non lo ha fatto manco Killer Joe. Vince però per la sceneggiatura redneck e assurda.