Slightly Off

Un buongiorno a me e un buongiorno a voi.

Quando Giorgio mi ha chiesto di entrare a far parte del novero di autori di JunkiePop ho fatto un controllo di sicurezza: mi sono andata a leggere la lista del meglio della tv dell’anno secondo The AV Club. Non sarà l’elenco definitivo, ma è molto rappresentativo di quello che succede sul piccolo schermo che interessa a noi (noi come generazione di tardoni digitali, noi come giovani ed ex giovani pressoché bilingue, noi che difficilmente guardiamo la programmazione di Italia1… noi, insomma).
Il risultato è piuttosto sconsolante: delle serie elencate o non ho mai visto niente, o ho interrotto la visione dopo un po’.

I motivi per queste mancanze sono dei più vari (quel giorno mancava la luce; colpita da amnesia, pensava fosse il 1518; il gomito mi fa contatto col piede, eccetera), ma credo che importino complessivamente poco quando invece mi sento di poter ben rappresentare il pensiero di chi mi ha letto fin qui, e che dovrebbe essere all’incirca:

ma se non guarda quelle serie, allora cosa guarda?

La risposta è: altro.
E questo è il contributino piccino picciò che vorrei portare a JunkiePop finché non mi cacciano via a pedate e/o smettono di rispondermi al citofono: serie belle ma cancellate? Célo. Network sfigati che a malapena registrano un bip sulle montagne russe dello share? You got it. Scivoloni, figuracce, momenti altissimi dei quali non s’è accorto nessuno? Yesssuìchen. Col vostro permesso, s’intende.

Per esempio.

Continua a leggere

The human element

Replay

A freddo però io il replay con la moviola nel baseball non ce lo vorrei. Nel football americano funziona, ma lì ha senso perchè il football è perfetto per il mezzo televisivo, con tutti quei cambi di squadra tra una mossa e l’altra, e i siparietti d’intrattenimento di cheerleaders e robe varie che sembrano fatti apposta per gli stacchi pubblicitari. Quando sono andata a vedere una partita di autumn draft dei Washington Redskins la gente che aveva pagato fior di quattrini per i posti VIP accanto ai nostri preferiva guardare la partita nei monitor televisivi piuttosto che concentrarsi sul campo, perchè lo stadio era così enorme che da lontano non si vedeva niente. (Peraltro mentre dal vivo l’esperienza di un ballpark è piacevolissima, piena di tifosi civili, tranquilli e quasi sempre simpatici, famiglie con bambini, e pensionati appassionati, a vedere i Redskins eravamo circondati da un gruppone enorme di frat boys di Georgetown e da un altro di colletti bianchi riuniti per l’addio al celibato di uno che girava in mutande con la buzza di fuori. Humm.)

Alla fine io penso che l’errore umano di Jim Joyce, l’arbitro che ha negato ad Armando Galarraga il suo perfect game a causa di un momento di distrazione (dichiarando salvo un ventisettesimo battitore che non lo era), faccia completamente parte del baseball. La filosofia fondamentale del baseball sta tutta tra questa equazione non scritta:

errare : humanum est = shit happens : gioco del baseball.

e questa frase che viene da Bull Durham:

This is a very simple game. You throw the ball, you catch the ball, you hit the ball. Sometimes you win, sometimes you lose, sometimes it rains.

"Potrebbe andare peggio. Potrebbe piovere."

Come nella vita, nel baseball puoi fare calcoli, ordinare i battitori, allenarti a lanciare curveballs come se piovesse, ma a volte ti distrai un nanosecondo ed ecco che tutto cambia, nel bene e nel male. La maggior parte delle volte non dipende (solo) da te. A volte, semplicemente, la “merda capita”.

Quindi il fattore imprevedibile della decisione arbitrale sbagliata è perfettamente in linea col pessimismo cosmico del gioco, proprio come la pioggia improvvisa, o il gabbiano che si ritrova nel posto sbagliato al momento sbagliato e colpito da una palla cade sul diamante come corpo morto cade – un colpo di scena degno di Chekhov, che di gabbiani morti se ne intendeva (e che comunque è quello che ha detto: “se nel primo atto porti in scena una pistola, nel quarto atto la pistola deve sparare”).

L’altra cosa che vorrei agigungere (e poi smetto di rompervi i maroni con storie di baseball per un po’), è che non solo appena l’arbitro Joyce ha realizzato il suo errore quando ha visto la scena in TV è andato a scusarsi con Armando Galarraga, ma anche che ieri pomeriggio nella partita successiva della serie Detroit Tigers-Cleveland Indians è sceso in campo con in groppa tutta la responsabilità della svista clamorosa, visibilimente scosso dai pochi boo e dai molti applausi del pubblico, e ha guardato dritto in faccia il pitcher al quale aveva rovinato la festa. Armando gli ha passato la lista dei battitori e gli ha stretto la mano sorridendo, come a dire: “non si preoccupi, it hurt like hell but no hard feelings: it’s just baseball, it’s just life”. Una roba da vero signore, piena di comprensione e di affetto quasi filiale. Jim Joyce ha risposto come farebbe un padre un po’ burbero che ti ha sgridato senza motivo e lo sa, e con le lacrime agli occhi ha ricambiato la pacca. E a quel punto lì lo sai anche tu che ci sta peggio lui di te. Il video è qui ed è una roba commovente per chiunque ami lo sport in generale.

Ditemelo voi per esempio nel calcio dove lo troviamo un fattore umano del genere. I love this game – and I believe in the church of baseball.

Hats off, fair play

Per la cronaca questo è il comunicato ufficiale del risultato dell’inchiesta sulla partita, che conferma il verdetto di rispettare la decisione arbitrale (per quanto errata) e di non assegnare il perfect game:

All of us who love the game appreciate the historic nature of (Armando Galarraga’s) effort last night. The dignity and class of entire Tigers organization under such circumstances were truly admirable and embodied good sportsmanship. While the human element has always been an integral part of baseball, it is vital that mistakes on the field be addressed. Given last night’s call and other recent events, I will examine our umpiring system, the expanded use of instant replay and all other related features. I also applaud the courage of umpire Jim Joyce to address this unfortunate situation honestly and directly. Jim’s candor illustrates why he has earned the respect of on-field personnel throughout his accomplished career in the Major Leagues since 1989.
– Bud Selig, Commissioner of Major League Baseball

[This post is dedicated to mightyflynn - he knows why.]

Eye of the Sfiga

You wuz robbed, Tiger

Ve l’avevo detto io che la sfiga è cieca, ma uno almeno si aspetta che l’arbitro ci veda benissimo.

Ieri sera in una partita della serie tra i Detroit Tigers e i Cleveland Indians il pitcher Venezuelano di Detroit Armando Galarraga aveva eliminato ventisei dei ventisette battitori, e si trovava quindi ad affrontare l’ultimo uomo tra sé e il perfect game. Avete presente Heinrich Schliemann che scopre le fondamenta di Troia, Yuri Gagarin nello spazio, il gol di Tardelli in finale? Ecco.

Galarraga lancia un altro dei suoi micidiali proiettili, Jason Donald degli Indians colpisce dal piatto una palla bassa e comincia a correre verso la prima base. La difesa dei Tigers agguanta la palla in volo, la ripassa al pitcher che si lancia verso la base e la raggiunge prima di Donald, eliminandolo. Perfect game numero ventuno – a meno di una settimana da quello di Roy Halladay – è veramente sensazionale.

And the last known survivor stalks his prey in the night

E invece no, l’arbitro non lo vede e dichiara il battitore salvo, annullando il perfect game. Get a pair of eyes, dude! We demand a moviola! E comunque arbitro cornuto, ecco.